HEBO MONTESA Baggy Trials Moto Moto MagliaNeroRosso Crg RC2 Freno & Frizione Leva Set Ducati 749 999 2003 2004 2005

Pro Boxe Thai Muay Mma Prossoezione Pastiglia Corpo Allenatori Hitter Pesante Box 97282zjpe8583-Nuovo

Pochi sanno che uno degli ultimi paradisi rimasti incontaminati, e che, ad oggi, offrono tutta la meraviglia di una natura unica, di un mare dai colori così intensi da rimanere senza parole, e per non farsi mancare nulla, anche il piacere di una soprendentemente piacevole città coloniale, sono le Philippine.

Ho avuto l’onore di poterle visitare grazie a Viaggidea, nel mese di giugno, giusto all’inizio della stagione meno felice, e ne sono tornata stregata, meravigliata da uno dei luoghi più selvaggi e belli che ho visto nella mia vita.

Abbiamo volato via Abu Dhabi, con una sosta di due giorni nella seconda città degli Emirati Arabi, un pò storditi dallo sviluppo esagerato che sta avendo la città, e poi diretti su Manila, che ci ha accolto con un clima sorprendentemente buono. Manila ti soprende.. perchè trovare in pieno oriente una città coloniale con molti scorci che ricordano La Havana, è veramente qualcosa di inaspettato. Città di fortissimi contrasti, super tecnologica, ma anche circondata da slums dove la povertà è violenta. La zona centrale è curata e molto “europea”, i quasi 500 anni di dominazione spagnola si respirano in ogni angolo, la cattedrale, gli scorci cittadini che ricordano gli angoli assolati e silenziosi delle capitali caraibiche…. e poi i centri commerciali enormi, dove è facilissimo reperire qualsiasi cosa tecnologica, i ristoranti esclusivi, raffinati, lo skyline innovativo ed improvviso nella zona di Makati, la zona più centrale della città.

Da non perdere un aperitivo nella terrazza panoramica del Raffles Hotel, un giro ad Intramuros, Città dentro le mura, ex centro della presenza spagnola in città, la visita di Fort Santiago, fortezza militare spagnola testimone di eventi fondamentali nella storia della città.

Da Manila abbiamo preso un volo per Puerto Princesa, nella bellissima isola di Palawan. Puerto Princesa si trova nel nord dell’isola, e da qui si possono raggiungere con le molte escursioni via  barca le piccole isole  di Honda Bay, Snake Island, Pandan Island e Starfish Island. Qui lo snorkeling diventa un sogno a colori, vedrete una quantità di pesci e di colori a cui non è facile resistere, e lo stesso mare assume dei toni di verde smeraldo e di azzurro che non è facile trovarne di simili.

Puerto Princesa è anche il punto di partenza per l’escursione al fiume sotterraneo del Monte Saint Paul. Sotto i 1028 metri del monte, si trova questo incredibile fiume sotterraneo al quale si arriva con un breve tratto in barca per poi attraversare il parco naturale nel quale si trovano scimmie monitor, lucertoloni verdi, ed una incredibile vegetazione così ricca da confondere la vista. Il fiume scorre tra caverne di calcare ed emerge in una laguna  blu così bella da sembrare un luogo fuori dal mondo. Escursione imperdibile.

La vita nottura a Puerto Princesa fa sorridere chi è abituato a ben altra realtà, ma ho trovato divertente il giro in tuk tuk e la serata in un karaoke locale, veramente amato sul posto, dove i ragazzi del luogo si esibivano con una incredibile attenzione ed entusiasmo.

Da Puerto Princesa, consiglio vivamente il trasferimento via auto lungo l’isola di Palawan, fino al molo dove ci si imbarca per El Nido. Può sembrare lungo, perchè sono 4/5 ore, ma la varietà paesaggistica e la possibilità di numerosi stop fotografici, lo rendono interessante proprio perchè si percepisce e si vive un luogo che non ha ancora idea di cosa sia il turismo di massa.

Risaie, baie incontaminate, boschi di palme, pascoli pieni di bufali, uccelli di ogni genere, scimmie… e piccoli chioschi dove vendono mango e frutta tropicale, dove è possibile usare i servizi, comprare piccolo artigianato locale a prezzi irrisori, e conoscere un pò più da vicino anche l’aspetto più vero di questo paradiso.

Si arriva ad El Nido, ma nulla vi può preparare alla meraviglia che starete per scoprire. Si può dormire al porto di El Nido, dove ci sono una serie di hotel a prezzo economico e dal quale si parte per escursioni di mare uniche al mondo oppure, cosa che io consiglio senza dubbio, si può scegliere di fare qualche giorno in uno dei pochissimi eco resort dell’arcipelago di El Nido. Io ho avuto la fortuna di visitarli tutti e tre, e vi posso garantire che in questo luogo magico e fuori dal mondo, veramente ci si ritrova in un paradiso incredibile, che non ha nulla da invidiare a mete celebratissime e più famose, e che, anzi, offre un rapporto di armonia e di magia con la natura nella sua massima espressione.

Si salpa dal porto e, dopo pochissimi minuti, ci si ritrova in religioso silenzio a respirare e vivere di un panorama quasi extra terrestre….. grandissime pareti di calcare dove per qualche miracolosa ragione la vegetazione riesce non solo ad attaccare ma a esplodere, con un contrasto che a volte ha dell’incredibile. El nido è un santuario naturale per diverse specie di mammiferi e di uccelli, e la totale assenza di rumori “moderni”, fa si che si navighi tra i versi degli uccelli, il rumore del mare e il profumo della vegetazione. Un mix fatale, che a mio giudizio fa di questo posto uno dei più belli al mondo da un punto di vista naturalistico.

Tutti i resort di El Nido, Lagen Island, Miniloc e Pangulasian, sorgono su tre diverse isole diverse tra loro ma tutte costruiti nel rispetto della natura, mettono a disposizione dei loro ospiti le tipiche imbarcazioni per praticare l’Island Hopping, il giro tra le isole della baia di Bacuit, e per poter scoprire degli angoli di una bellezza indescrivibile. Tra i più memorabili : Small Lagoon e Big Lagoon… due angoli in cui si lascia la barca e si parte alla scoperta con canoe, proprio per non danneggiare un ecosistema perfetto. Si entra in un piccolo arco naturale nel calcare, per Small Lagoon, e ci si ritrova in una piccola laguna chiusa dove tutto sembra magia….. pesci colorati che si vedono da sopra la superficie del mare, vegetazione quasi esplosiva, pareti di calcare che formano una cattedrale naturale indescrivibilmente bella. A Big Lagoon invece ci si inoltra, sempre in canoa, in un canalone di calcare che sorge sull’acqua, ci si ritrova a passare per gole scolpite dal vento, con aquile di mare come compagne di viaggio e aironi che si appollaianno sugli scogli di calcare che spuntano dall’acqua… credetemi un posto di tale bellezza merita solo di essere visto, e sembra quasi di profanarne la bellezza a raccontarlo.

Il più bel tramonto della mia vita l’ho visto a Lagen Island. La particolarità del posto, l’assenza di smog, l’insieme delle caratteristiche naturali fanno si che i colori del cielo al tramonto siano così intensi da sembrare dipinti. Ed un tramonto qui dura moltissimo…

Ovunque orchidee enormi, colori sgargianti, piccole spiagge così bianche da sembrare irreali…. un posto imperdibile del nostro pianeta, sicuramente tra i più belli che io abbia mai visto.

Lascaire El Nido è sempr eun dispiacere, ma il viaggio è anche scoperta e quindi siamo andati avanti nel conoscere questo paese bellissimo e siamo volati alla più famosa e turistica Boracay.

Boracay è stata per anni centro del turismo orientale, tanto che ad un certo punto, per preservarne le caratteristiche e non distruggerla il governo filippino ha deciso di chiuderla al turismo per quasi un anno. Noi ci siamo arrivati dopo poco tempo dalla riapertura, e, onestamente, mi ha sopreso anche questo pezzo di filippine più commerciale…. Spiagge bellissime, di sabbia corallina e colori che ricordano moltissimo quelli caraibici, palme infinite, alberghi molto curati e nell’insieme un piacevole mix che può essere ottimo per finire la vacanza con un pizzico di vita locale ed energia.

In ogni caso i colori di questo paese ve li porterete dentro per sempre…. il verde, l’azzurro, il turchse… il vento del Nido, il silenzio rotto solo dagli uccelli e dal mare… Tutto questo ha fatto si che io mi innamorassi perdutamente di questo paese e sono qui, per qualsiasi informazione e per aiutarvi a fare il più bel viaggio che potreste aspettarvi in un luogo che vi resterà nel cuore. Passaggio in Volo, #inviaggioconpassaggio vi aiuterà ad ottimizzare un viaggio di quelli che davvero possiamo definire  indimenticabili.

Vintage stivali Colt Cromwell Tall Equestrian Riding Shimano RACE BRAKE 105 BR 5800 RUOTA POSTERIORE SENZA LEVA 49mm NeroIniziò Frauen Harry Halle HARTFORD Con Cerniera Jodhpur Scarponinero, grosse 4

Pro Boxe Thai Muay Mma Prossoezione Pastiglia Corpo Allenatori Hitter Pesante Box 97282zjpe8583-Nuovo

Viaggiare è sempre una emozione ma, a volte, ci sono viaggi che restano dentro, che rinnovano le emozioni che ti hanno procurato ogni volta che ci si pensa, che ci si siede a guardare una foto, e il viaggio che vi racconterò in questo articolo è uno di quelli. Passaggio in Volo per la serie #inviaggioconpassaggio, ha organizzato questo itinerario nel West degli Stati Uniti, cercando di riunire in un itinerario quanto di bello può caratterizzare e definire un viaggio negli Usa, passando dalle città alle meraviglie naturali che in questa parte del mondo diventano davvero una espressione magnifica di quello che il termine”natura” può significare.

Insieme ad un selezionato gruppo di clienti siamo partiti il 13 di agosto per Los Angeles, iniziando il ns itinerario da questa enorme città, tanto grande che spesso passare da un quartiere all’altro ha distanze e tempi veramente importanti. L’itinerario è stato creato su una base fly and drive, per cui avevamo a disposizione 8 macchine, dimensioni adeguate al territorio, grandi e rassicuranti, comode e perfette per il giro che abbiamo affrontato.

Il diametro di Los Angeles raggiunge i 180 km di estensione pertanto è suggeribile scegliere un hotel in una posizione piuttosto centrale, e a Los Angeles, l’aeroporto è esattamente nel mezzo della città, sufficientemente vicina sia alla costa che ai quartieri più conosciuti come Beverly Hills ,  Hollywood che Venice o Santa Monica.

Arrivati a Los Angeles con un volo diretto e dopo aver ritirato le auto, ci siamo diretti verso la costa, iniziando dal Pier di Santa Monica, coloratissimo luogo iconico di Los Angeles,  inizio perfetto per il ns. viaggio. Santa Monica ci ha accolto al suo meglio, clima ideale, 28 gradi, sole, e la luce giusta di un tardo pomeriggio, colori, musica, gente che si aggirava curiosa ed allegra tra il parco giochi, la spiaggia coloratissima ed affollata, mare tranquillo, profumo di tacos e di dolciumi, mercatini pieni di merce di ogni genere, la stand commemorativo della Route 66, e ci è sembrato quasi naturale iniziare brindando con un mojito accompagnato da nachos e guacamole, pronti a dare inizio alle ns vacanze on the road.

A Santa Monica basta sedersi e guardarsi intorno per gustarsi uno spaccato di questa città che renda  l’idea del suo aspetto eterogeneo e multirazziale. Adolescenti che ballano in gruppo, eloquenti ballerini di street dance, surfisti dai capelli lunghi e dalle spalle vitaminiche, gente in bicicletta che gironzola senza fretta, turisti e locali che si mischiano e si lasciano andare ai colori di un tramonto che non delude mai.  Da Santa Monica, ci siamo spostati verso Venice beach, un tempo vessillo indiscusso della beat generation, sede incontrastata delle generazioni alternative, dei performer di qualsiasi arte, location gettonatissima  di tanti video e di concerti improvvisati, come quello storico dei Red Hot Chili Peppers sul tetto di uno dei suoi palazzi più belli, oggi purtroppo pallido ricordo assai degradato di una Los Angeles Pop di cui non resta molto. Venice sarebbe ancora un posto speciale, invece il degrado importante, la presenza di tantissimi homeless e di troppi emarginati sociali ne fa un posto che gode ancora di una splendida spiaggia e di una atmosfera easy, ma ne fa anche un luogo in cui ci si aggira tra chi è svenuto in terra in preda a droghe o alcool e chi svetta sui skate o sui rollerblade senza curarsi del contorno. Ho sinceramente trovato una Venice lontanissima dal posto colorato e divertente che avevo visto 15 anni prima, ma la ritengo ancora uno stop imprescindibile di una visita a Los Angeles.

Il giorno successivo abbiamo fatto una full immersion agli Universal Studios. Non si può andare a Los Angeles senza visitare questo incredibile posto, dove tutti tornano inevitabilmente un pò bambini. Gli Universal continuano ad arricchirsi di anno in anno, e passarci una giornata è assolutamente imperdibile. Sempre nuovi, super organizzati, regalano una giornata di allegria e divertimento ad adulti e meno adulti. Dopo gli universal abbiamo finito la giornata sulla City Walk, area antistante il parco organizzata con ristoranti e negozi, per cenare a scelta tra ogni livello di possibilità, dal fast food al ristorante di livello, prezzi di ogni genere, cibo di ogni etnia. Unico suggerimento : se potete, comprate il Fast Pass che permette la visita con file più veloci in quanto in alta stagione a volte le file delle varie attrazioni sono onestamente esagerate, fino a 80 minuti di attesa per i giochi più richiesti quali Harry Potter, piuttosto che Jurassic Park. Senza Fast pass diventa veramente difficile gustarsi tutto il parco anche se onestamente  ha costi piuttosto alti (circa 100 dollari a persona oltre al biglietto di entrata). Può essere consigliabile acquistare direttamente il biglietto vip dall’Italia risparmiando circa il 40% sul costo totale in loco, direttamente sul sito degli universal o chiedendo all’agenzia di viaggi  di organizzarlo per voi fin dal principio con un risparmio del 50% sul prezzo in loco.

Terzo giorno a Los Angeles, secondo noi imperdibile in una programmazione che si rispetti,  per completare la panoramica tra Hollywood, Beverly Hills, Malibu e per finire la giornata consigliamo vivamente una passeggiata a tramonto nella zona di Manhattan Beach, divenuta molto cool negli ultimi tempi, un quartiere di mare curato e diversissimo dal resto della città, piccole case colorate, spiaggia enorme, atmosfera chic, ristoranti di ogni genere e meno affollamento delle più note Santa Monica e Venice.

In generale Hollywood, il Chinese theatre, i sosia che si aggirano sull’hollywood Boulevard, il caos che caratterizza questa zona restano molto iconici e vanno decisamente visti, aldilà del fatto che sono oramai divenuti estremamente costruiti su modello turistico, che i prezzi si siano alzati anche del doppio rispetto agli ultimi anni, e che parcheggiare in zona ha costi praticamente proibitivi ( 25 dollari dopo 2 h). Resta però immutata l’atmosfera teatrale e seducente della Walk of Fame, i suoni e luci degli shopping ognuno con qualche pezzo di modernariato (vero o falso..) come cadillac, statue di star, riproduzioni dei personaggi più famosi.

Beverly Hills invece emana indiscutibilmente un’aria assolutamente trendy, lusso e sfarzo, elegantissima sia nelle vetrine dei negozi che nei ristoranti (peraltro di vario livello) . Consigliamo lo Sweet Beverly, un piacevolissimo ristorantino veloce, dove abbiamo mangiato una eccezionale insalata di tonno fresco per 12 dollari a persona.

Piacevolissima la passeggiata in auto verso Malibu, dove siamo anche riusciti a fare il bagno nell’oceano, tra surfisti e gente al sole.

Il giorno seguenti siamo quindi partiti per questo nostro splendido itinerario che ci ha portato verso le atmosfere più vere e, soprattutto, verso una natura di una bellezza così grande da lasciarci spesso senza fiato.

Guidare negli Stati Uniti, una volta lasciate le grandi città, diventa senza ombra di dubbio parte essenziale del viaggio. E’ una esperienza imperdibile, che solo a provarla può essere spiegata. I panorami cambiano continuamente, le strade si fanno infinite, silenziose, e spesso diritte al punto da perdersi nell’orizzonte. Si può andare anche senza incontrare quasi nessuno, tra deserti multicolori, distese di rocce rosse, monoliti sempre diversi… a volte ci si perde dietro a tutto questo, dimenticando le distanze, e nonostante si sia dentro un’auto, si riesce comunque e respirare un profondo senso di libertà, probabilmente a causa degli spazi sconfinati che caratterizzano tutto il viaggio.

Prima sosta Barstow, sede del museo della Historic Route 66: attenzione il museo apre solo durante il fine settimana quindi fate attenzione a capitare nel giorno giusto, perchè oltre al museo, Barstow offre assai poco. Ottimo ristorante per mangiare però: consigliamo vivamente ROSITA’S tex mex che con 12 dollari ci ha fatto pranzare in 23, buffet messicano, frutta e molta cortesia. Souvenir dovuto maglietta con tanto di doveroso omaggio alla Route 66 ed ai proprietari.

Da Barstow a Laughlin, conosciuta anche come piccola Las Vegas, soprannome pomposo e sicuramente immeritato per una piccola cittadina al confine tra Nevada e California, sulle sponde del Colorado. Hotel esternamente luminosi, al limite del kitch, internamente vecchiotti e polverosi, ma utilissima per la giusta sosta di una notte.

Da Laughlin abbiamo finalmente preso la Historic Route 66, che attraversa alternativamente più volte Nevada e California, ed è caratterizzata da un paesaggio sempre diverso, con salite e discese, con punti celebrativi della Route, punti di ristoro che sembrano usciti dagli anni 50, un museo (aperto anche nei giorni normali in questo caso) a Kingman. Stop per il pranzo consigliatissimo allo storico SNOW CAP di Seligman. Poco più di un chiosco super attrezzato e conosciutissimo a tutti gli amanti della Route, colorato, pieno di foto e di biglietti ricordo di chi ci è passato (abbiamo ovviamente lasciato anche il nostro) con una veranda circondata da macchine antiche, colorate, da oggetti improbabili ma nell’insieme con una atmosfera assolutamente piacevole e divertente. Va anche sottolineato che abbiamo mangiato Hot Dog eccellenti, forse tra i migliori del viaggio, a prezzo popolare. Sosta da non perdere secondo noi.

Da Seligman, via verso nord est e verso la nostra prima meta importante, il Grand Canyon. Niente e nessuno può spiegare quale sensazione si prova ad affacciarsi al primo Mother View Point nel parco… Il Grand Canyon non si racconta. Si deve vivere. Quando la natura riesce a creare tali miracoli, e soprattutto con tale magnificenza, non ci sono parole sufficienti o adeguate per descriverle. Siamo arrivati intorno alle 5 del pomeriggio, e ci siamo affacciati rimanendo tutti in un rispettoso silenzio per qualche minuto. Non era la mia prima volta, ma posso garantire che ogni volta, dopo il silenzio, la prima parola che mi viene in mente è “grazie”, per un profondo senso di gratitudine verso la Natura o anche solo per avere la possibilità di ammirare uno spettacolo del genere.

Abbiamo dormito due notti allo Yavapay Lodge, una buona struttura soprattutto considerando che si trova all’interno del parco e che è facilissimo affacciarsi e trovarsi davanti un cerbiatto, un cervo, un orsetto lavatore….e soprattutto con 10 minuti a piedi ci si ritrova nei vari punti di osservazione dai quali si gode di viste sempre diverse. Nel parco a disposizione dei clienti tre navette gratuite dai percorsi diversi, per potervi recare nei punti per l’alba, il tramonto o semplicemente conoscere questo parco meraviglioso.

Per mangiare un Grocery Deli che vende di tutto davanti allo Yavapay, il ristorante dello Yavapay, o, secondo me miglori, vari ristorantini subito fuori dal parco a Tusayan. Qui abbiamo mangiato molto bene allo HIPPI YE YO, un saloon con piatti di metallo e tovaglie stile mucca, dove abbiamo provato anche il Rattle Snake fritto (serpente a sonagli).. che però… diciamo non ci ha lasciato alcun segno – mal di stomaco a parte. Ottima invece la carne. Prezzi medi (non economico).

Una esperienza mozzafiato che consigliamo vivamente a tutti è il sorvolo del Grand Canyon in elicottero. Moltissimi gli operatori, tra i migliori il Papillon, elicotteri nuovi, 7 posti, e una emozione intensissima, quando sorvolando la foresta che precede il Canyon ci si ritrova all’improvviso nella magnificenza, sospesi in una dimensione quasi surreale, con degli scorci così belli da essere assolutamente indimenticabili. Il tutto con la musica nelle orecchie, in assoluta solitudine voi e la natura nel suo senso migliore. Da non perdere.

Due notti al Grand Canyon servono perchè si può respirare l’atmosfera meditativa e bellissima del parco, si ha il tempo di riprendersi dal viaggio e si può girare tutto il South Rim. Quando si riparte e si va verso est, consigliamo di fare uno stop prima di uscire dal parco allo splendido Desert View, dove si ha un ulteriore punto di vista panoramico ancora diverso ed eccezionale.

Dal Grand Canyon, con circa 3 h di strada si arriva nella Monument Valley, pieno territorio Navajo, scenario di moltissimi film western. Si attraversano chilometri di deserto rosso, e si iniziano ad intravedere già da lontano i bellissimi monoliti che caratterizzano questa zona unica nel suo genere. La Mano di Dio, La Gallina nel nido, il Castello sono i tre monoliti più famosi. Ci si può fermare e decidere di attraversarne il percorso interno con le proprie auto, piuttosto che con i trenini guidati dai Navajo, anche se hanno costi altissimi e, onestamente, il percorso non fa che riproporre i monoliti da diverse angolature. Ritengo però imperdibile una visita panoramica. Nel visitor center souvenir Navajo con argento e turchesi, e varia paccottiglia onestamente a prezzi intoccabili.

Dalla Monument Valley di nuovo on the road per circa 200 km verso Lake Powell ed il Glen Canyon, un luogo bellissimo, dove si arriva sulle sponde di questo lago generato dalla creazione di una diga, sul Glen Canyon. Ci sono diversi punti panoramici all’arrivo dove consiglio assolutamente una sosta che offre una vista a 360° su un panorama quasi irreale per la sua bellezza. Due giorni sono una sosta ideale, sia per riposare che per godere delle escursioni che si possono fare. Abbiamo prenotato il Lake Powell Marina and Resort, direttamente sul lago, hotel nella media ma che acquista la nostra totale approvazione per la posizione unica  e per il panorama che si gode la ristorante e dalla piscina.

La zona, come abbiamo detto offre molte cose da vedere: noi abbiamo scelto di fare – prenotando dall’Italia con  larghissimo anticipo – l’imperdibile Antelope Canyon. Si tratta di una gola tra i monoliti in roccia rossa della zona, che vi offrirà una delle esperienze più belle dell’intero itinerario, una camminata di circa 30 minuti nel cuore della roccia, tra sculture naturali create nei secoli dall’acqua e dal vento e scorci di luce, un insieme assolutamente bellissimo, senza dubbio indimenticabile. Ottima la nostra guida Navajo Tori, che ci ha portato con un grande pick up attraverso le piste di sabbia rossa, divertendosi in derapate ed accellerate e poi, una volta all’interno del Canyon, ci ha mostrato le inquadrature più particolari, i punti in cui si scopre che la natura ha scolpito naturalmente la testa dell’Antelope, da cui il nome, l’occhio del drago, le ali dell’angelo… davvero un luogo magico che vale la pena vedere.

Molto bello anche Horse Shoe Bend, un canyon naturale a ferro di cavallo con un fiume all’interno, altro punto panoramico veramente di alto impatto.

Per mangiare consigliamo vivamente di fare la lunga fila dal famosissimo BIG JHON BBQ, un posto da manuale, con tanto di complesso country (età media sui 60 anni, occhiali da sole e cappellone, veramente divertenti) che allieta la cena, tavoloni comuni e le più buone costolette che abbiamo mangiato in viaggio, il tutto per un prezzo medio (circa 35 dollari a persona per una cena completa di brownies al gelato, carne e contorno per tutti, con bibite).

Da Lake Powell, ultima tratta in auto verso Las Vegas. E’ possibile fare uno stop allo Zion National Park, ma noi abbiamo dovuto rinunciare a causa di una tempesta in corso, pertanto, abbiamo percorso la strada con scenari surreali, fulmini in lontananza, e paesaggi con mille colori, fino all’ultimo tratto di deserto, in cui abbiamo attraversato gole e scorci di pura desolazione per poi vedere apparire come una cattedrale nel deserto lo skyliner di Las Vegas.

Possiamo dire ogni cosa di Las Vegas, che è indiscutibilmente kitch, che è esagerata, che è irreale, ma sicuramente diciamo anche che è da vedere assolutamente. E’come entrare in un enorme parco giochi a cielo aperto, e passeggiare sullo strip è una esperienza che si può vivere esclusivamente qui. Ogni hotel è a tema, per tanto si passa dalle eruzioni ogni 30 minuti del vulcano dell’hotel Mirage, ai gondolieri dello spendido Venetian Hotel, ai giochi d’acqua dell’hotel Bellagio. E le luci di sera illuminano a giorno questo insieme di insegne al neon, di led, di statue opulente.. Negozi, bar, casino aperti 24 h, limousine che vanno avanti ed indietro, ristoranti di ogni tipo e livello. Las Vegas è un viaggio nel viaggio.

Noi abbiamo alloggiato al Luxor, piramide a vetro in stile egiziano, camere un pò troppo datate, ma un rapporto qualità prezzo decente. Con 5 dollari a persona siamo riusciti ad entrare in 20 dentro una Hammer Limousine, divertente, per andare a cena al mitico ristorante Hells Kitchen di Gordon Ramsey, e ne abbiamo avuto un generale ottimo giudizio, buonissimo il cibo, divertente la situazione, prezzo di 75$ compresi i cocktail. Al primo posto assoluto per chi ha voglia di regalarsi una cena di alto livello ( e di alto costo) il Nobu all’interno dell’hotel Cesar Palace, dove abbiamo mangiato una cena fusion tra giapponese e peruviano eccellente davvero.

Da Las Vegas abbiamo lasciato le nostre auto e abbiamo preso un volo per San Francisco, a mio giudizio una delle città più belle d’America. San Francisco ha un sapore quasi europeo, elegante, distesa sul golfo tra colline e mare, uno skyliner bellissimo, quartieri completamente diversi tra loro, dalle Painted Sister, in stile vittoriano e legno colorato, ai grattacieli in vetro e cemento di Union Square, al coloratissimo Fisherman Wharf dove consigliamo di mangiare la famosissima Clam Chowder, zuppa cremosa con frutti di mare o crostacei ( vongole o granchio o aragosta) servita calda  dentro una pagnotta di pane.

Abbiamo passeggiato tra i negozi di Pier 39, fino alla fine del molo per vedere i leoni di mare che deliziano i turisti sdraiati sulle piattaforme sotto al molo, gironzolato tra i negozi di souvenir, o semplicemente per godere del panorama che copre dal Golden Gate ai Bay Bridge, sulla baia più bella d’America, con Alcatraz al centro . Nota a parte merita il giro doveroso sul famosissimo Cable Car, ancora girato a mano nei punti di snodo, caratteristico tram che non si può non prendere da Union Square al Fisherman Wharf.

Il giorno successivo abbiamo attraversato il Golden Gate per arrivare al delizioso villaggio di Sausalito, luogo scelto dagli artisti di zona, colorato, con le sue casine di legno sulla baia, molto freak e nell’insieme gradevole. Al ritorno consigliamo di prendere il ferry fino al molo 1 di San Francisco, dove troverete un mercatino alimentare permanente, e potrete provare ogni tipo di specialità per prezzi assolutamente economici.

Un viaggio che senza ombra di dubbio potrà soddisfare le aspettative di chiunque, un equilibrio tra città, natura veramente esplosiva, scorsi di America vera, paesaggi sconfinati, e soprattutto guidare attraverso questi territori, regala qualcosa di unico ed irripetibile, che, come abbiamo detto all’inizio, può essere compreso solo se lo si prova di persona. Come sempre la nostra esperienza è a disposizione di chi vorrà contattarci per ripetere e personalizzare questo itinerario, che si può fare a vari livelli, sia in forma super economy che ad alto livello ma che, senza dubbio, resta tra i migliori per conoscere gli Stati Uniti.

GUARDA IL VIDEO: Vaude Men's Topa shirt III INDIAN rosso Dimensione M di usa on the road def

KS LEV CI 31.6mm 175mm Travel Dropper SeatpostMARK Todd Pantaloni Venus Grip Bianco 30Ruote Longboard Abec11 FreeRides 72 mm 81a Coloreeee verde Centerset

Pro Boxe Thai Muay Mma Prossoezione Pastiglia Corpo Allenatori Hitter Pesante Box 97282zjpe8583-Nuovo

Tough1 600D Stable Blanket WBelly Wrap U472  SRAM GX 2x10 Speed Rear Derailleur             Homcom SCOOTER A 3 RUOTE Speeder pieghevole tri movimento cursore alato Push

scegli quale è TUO il posto giusto per sognare….
Enrica in volo dopo un periodo di assenza torna per farvi sognare….. e per farvi sognare davvero… a partire da oggi abbiamo intenzione di dedicare una serie di articoli a posti che veramente meritano una attenzione particolare, sia perché è giusto conoscerli, almeno “idealmente”, sia perché quando si vuole fuggire via, e ci si vuole regalare una vacanza davvero diversa, queste sono mete che pur essendo fuori dai circuiti più conosciuti vi possono regalare esperienze e sensazioni davvero indimenticabili.
Uno dei tour operator più seri del mercato ci ha regalato quest’anno una selezione di questi magici posti da sogno, luoghi in cui perdersi per lasciarsi andare ad una natura prorompente e seducente, dove non esiste il lusso sfrenato ma piuttosto una cura del dettaglio, un insieme armonico di elementi che fanno di una vacanza un ricordo indelebile ed un arricchimento interiore. Il nostro blog ha intenzione di recensirveli in due articoli, di cui questo sarà il primo, e tratteremo tre terre diversissime tra di loro, MADAGASCAR, ANTIGUA e THAILANDIA, tre angoli di mondo distanti tra loro e ricchissimi di seduzione.
MADAGASCAR

Guarnitura Centaur 10s PowerTorque Carbonio FC12Cervi 693C 3953 DENTI 165mm NeroXLC Reggisella Bicicletta Reggisella Bicicletta Con Lucchetto A CAVO NEROBATTERIA ad alte prestazioni da 20.8ah per Panasonic Flyer C T L S x 10ah, 12ah, 18ah

Iniziamo da quell’isola magica che è il Madagascar, terra selvaggia ricca di profumi e di particolarità, terra di gente gentile, di tradizioni che mescolano il selvaggio dell’Africa vera all’armonia innata nei modi dei suoi abitanti, in cui è stata selezionata una piccolissima isola ed un resort che a mio giudizio è in assoluto uno dei posti più “giusti” al mondo per regalarsi una fuga speciale… sto parlando dello TSARABANJINA CONSTANCE RESORT, sull’isola di Tsarabanjina anche conosciuta come Love Island per la sua vaga forma di cuore se vista dall’alto

Alluminio Corona 170mm Manovella MTB Bicicletta Guarnitura con BB PedaleBern Brentwood with Flip Visor, Casco da Ciclismo Uomo, Satin bianca, S g3E
.Fox Demo DH MTB Cycling Shorts 2015 rosso, Fluro giallo Dimensiones 32, 38E Thirteen Reggisella TRS calata 31,6 mm 150 mm NERO NUOVO

La piccolissima isola caratterizzata da bellissime spiagge di lembi di sabbia bianca, fauna e flora con alcune delle specie più rare del mondo tropicale, laguna cristallina in gran parte inviolata, l’incontaminato Madagascar è un santuario e l’isola ne è l’altare centrale…

tsara4

Il Constance Tsarabanjina è infuso con una calda sensazione malgascia e offre ville ecologiche disseminate lungo le spiagge incontaminate per avere una sensazione di fuga stile Robinson Crusoe, pur avendo a portata di mano ogni tipo di comodità… dimenticate la tv ovviamente, dimenticate il vostro cellulare altrove…. C’è segnale, ma in un posto del genere viene voglia davvero di dimenticare tutto ciò che ci ricorda la quotidianità ed è facile lasciarsi andare ad un sogno da cui si stenta a risvegliarsi.

EU NO taxes 48V 500W 8funbafang motor BBS02B crank Motor eletric ebike kitsT800 26er 14 bluverde Carbon Fiber Mountain Bike Frames Cycling Bicycle Frame10 paia voci City Pedali Bicicletta Büchel antiscivolo pedali con reflekoren

Passare una settimana a Tsarabanjina vuol dire perdersi in un ambiente “natural chic”, tra materiali completamente ecologici, un arredamento essenziale ed elegante, tessuti naturali, comodissimi letti e soprattutto la possibilità di vivere tutta la giornata a piedi nudi, in completo relax… ma vuol anche dire incontrare una struttura dove la cucina diventa espressione di vita, con una gestione curatissima del cibo e delle cantine, che mettono a disposizione dei clienti le migliori selezioni di vini e di super alcolici, piatti sempre molto gustosi e ricercati, fino ad avere spesso settimane gourmand durante le quali grandi chef della cucina internazionale offrono ai fortunati ospiti esperienze sensoriali uniche.

TELO PONTE PER SALTO OSTACOLI 1216337CAVALLO RIDING stivali Dimensione BRITISH ARMY ISSUE HOUSEHOLD CAVALRYSANTINI Sleek 2.0 Aero ZIPLESS BodyOnepiece Pad SPEC. ordine, Nero, XXXL

Durante il giorno avrete a disposizioni un dhoni, con i ragazzi del posto che vi porteranno a seconda delle stagioni a bagnarvi in isole deserte, a vedere il passaggio delle balene, a gustarvi un aperitivo guardando il tramonto che in Africa ha colori unici al mondo… e poi le escursioni, potrete visitare la grande isola malgascia, le sue spiagge, il suo interno variopinto, accarezzare i lemuri… insomma… una esperienza che veramente cambia il concetto di vacanza oltre ogni aspettativa.
LA NOSTRA OPINIONE:
Passaggio in Volo ritiene che questo meraviglioso resort sia veramente un luogo adatto a chiunque sia in cerca di un angolo di paradiso con tutti i confort che la catena Constance garantisce sempre. Definibile di lusso, costi medio alti, ma rapporto qualità prezzo assolutamente correlato.
PER CHI?
COPPIE, VIAGGI DI NOZZE, SINGLE IN CERCA DI RIPOSO ASSOLUTO

ANTIGUA

Seconda proposta di questo straordinario catalogo CHIC ESCAPE, è la splendida isola di Antigua e nello specifico un piccolissimo resort di puro sapore caraibico, ma completamente fuori dallo standard tipico dei grandi alberghi americani, dove spesso si può avere la sensazione di essere sempre nello stesso posto, a prescindere da dove si è….. il COCOS HOTEL di Antigua è tuttaltro… Annidato sulla scogliera che domina le acque turchesi dei Caraibi, COCOS Hotel fornisce un servizio personale d’eccezione in un autentico scenario Caraibico. Questo romantico boutique resort è composto da 26 cottage di legno costruiti nel puro stile Caraibico, ognuno dotato di doccia esterna e terrazza privata dalle quali si gode un panorama spettacolare. COCOS è situato tra due spiagge di sabbia bianca riservate agli ospiti. Ogni cottage offre altresì privacy, in modo da potersi veramente rilassare nei momenti di tranquillità…

Enve Manillar Road Compact Drop N00220010 Componenti Manubri StradaAcciaio Inox Gancio Deragliatore Coda Allineamento Calibro per Mountain BikeCasco core nero taglia xxss 4652cm 2017403001 Melon bicicletta

I pasti vengono serviti su di una splendida terrazza in teak affacciata sul blu dei Caraibi, così come ogni bungalow dispone di una sua propria e personale veranda, con amache, tavolino e sdraie per godervi in totale relax i momenti più belli della giornata. Così come per lo Tsarabanjina, anche il Cocos Hotel offre una cucina curatissima, con la possibilità di accedere ad una cantina veramente ricchissima sia per i vini che per i super alcolici.
.cocohotel2

Antigua è inoltre un’isola seducente e ricchissima, si dice possieda 365 spiagge, una per ogni giorno dell’anno…. E nel suo interno una splendida foresta pluviale la rende verdissima e rigogliosa….Così potrete decidere se lasciarvi conquistare dalla scoperta quotidiana del giusto angolo di paradiso o, semplicemente godervi quello che vi offre questa sistemazione un po’ fuori dal mondo…

Cottage Craft Classico Alto Garrese Gp Coprisella N125g     

Ultima chicca… una spa fantastica, la Serenity spa, con la possibilità di godersi un massaggio nella tranquillità della vostra veranda o in quella della stessa spa, con davanti ai vostri occhi solo il mar dei Caraibi che ad Antigua assume colori davvero unici…
LA NOSTRA OPINIONE:
Passaggio in volo ritiene che questo piccolo resort sia la giusta via di fuga per chi è in cerca di un angolo di paradiso non troppo lontano dalla vita quotidiana, che vi offre la giusta privacy ma anche la possibilità di alternare l’estremo relax con un po’ di movimento e di vita notturna.
PER CHI:
COPPIE, AMICI IN VIAGGIO, VIAGGI DI NOZZE
THAILANDIA

Tutto il mondo conosce oramai il fascino senza tempo di Bangkok e lo splendore delle sue spiagge più note… phuket, phi phi island, koh samui…. Giornali ed articoli a non finire, servizi televisivi.. insomma veramente facile entrare in contatto con la intrigante realtà dell’antico regno del Siam… ma pochi sanno che in questa nazione variopinta e ricchissima esistono dei posti dove veramente ci si può perdere in oasi di pace e di bellezza, vivendo a contatto con una natura unica in un ambiente essenziale ma curato… ancora una delle proposte di CHIC ESCAPE VIAGGIDEA è la piccolissima e sconosciuta ai più KOH MUNNORK.

koh-munnork-private-island 
Questa piccolissima isola privata si trova a sole 3 ore da bangkok facilmente raggiungibile con trasferimento pubblico o privato, e un battello privato che vi porterà a conoscere uno dei resort più ricchi di privacy che possiate trovare…. L’isola è circondata da foresta ricchissima e ricca di lembi di spiaggia bianchissima, nel cuore del mare delle Andamane, ricca di pace, verde e mare nella sua massima espressione.

LeMieux Lambskin Breast Girth Cover Natural, 100 x 8 cm

23 bungalow in totale, per assicurare ai propri ospiti tutta la pace e la personalizzazione del servizio di cui hanno bisogno. Tutti i bungalow sono costruiti in legno e bamboo, per accentuare la sensazione di vacanza “selvaggia” pur disponendo in realtà di ogni confort, e per chi ne avesse voglia, è anche possibile avere aria condizionata, tv e e media a disposizione, fino ad una collezione di film su richiesta.
Esistono bungalow vista giardino, per godere dell’incredibile vegetazione e bungalow vista mare che regalano panorami realmente mozzafiato. In quest’isola la sensazione è quella di essere realmente in un mondo parallelo, dove non ci sono rumori inutili, dove tutto è regolato dal ritmo stesso della natura. Le dimensioni dei bungalow vanno da un minimo di 40 mq fino agli 80 delle family room (solo 1), con due camere da letto e soggiorno.
TIMBBorsa Messenger Classico Medio Utility DIP DIP CORDURA Oliva Nero         Cavaliere Scarpesali staffa antico del 1900 in ottone sud AmericaCavaliere

Questa è indiscutibilmente una meta per chi cerca qualcosa di diverso ma anche veramente un po’ selvaggio… non è lusso sfrenato assolutamente anche i prezzi lo confermano, i confort ci sono tutti ma si da risalto ad un tipo di vita realmente molto rilassante ed a forte contatto con la natura. Un posto davvero da non perdere.
LA NOSTRA OPINIONE:
un posto fantastico, essenziale ma curato, per rompere gli schemi e trovare davvero giorni di riposo e tranquillità. Adatto a chi davvero cerca la natura, a chi non ha bisogno di negozietti e mercatini, di caos o di locali notturni, a chi vuole rompere per una settimana con la vita di tutti i giorni e sentirsi parte della natura.
PER CHI:
COPPIE, VIAGGI DI NOZZE
RICORDIAMO A TUTTI VOI CHE PRENOTANDO TRAMITE PASSAGGIO IN VOLO con la copia di questo articolo uno sconto speciale e dei servizi esclusivi vi aspettano.
JT SPECTRA VETRO DI RICAMBIO Thermal Prizm 2.0 SKY
tel. 0699709326 – mail: info@passaggioinvolo.com
E NEL PROSSIMO ARTICOLO …. MOZAMBICO, GRENADA, E ANCORA THAILANDIA

enricainvolo

VILLAGGIO VERACLUB YADIS THALASSO AND SPA…..DJERBA COME NON LA AVETE MAI IMMAGINATA

Leva cambiofreno duraace str9100 sinistra SHIMANO biciclettaElite Rampa Smart B , Roller da Ciclismo Magnetico con Tecnologia Ant S0Z

Enrica in Volo stavolta torna da Djerba, e, nello specifico dal Veraclub Yadis Thalasso and Spa…. Una Djerba come non la avreste mai immaginata… ho voluto dedicare questo articolo ad un villaggio perché, da sempre, questa è una forma di vacanza amatissima dal pubblico di tutto il mondo, ma, aldilà degli articoli illustrativi dei depliant o dei vari siti di giudizio, nessuno ne parla mai in prima persona e con occhio professionale. Per questo, da brava agente di viaggio, credo opportuno darvi informazioni di prima mano e soprattutto “dirette”, in modo da farvi scegliere con attenzione per le vostre vacanze.

Il Villaggio Veraclub nel più puro stile made in Italy che oramai contraddistingue sempre di più questa grande azienda italiana, è veramente una sorpresa gradita: una splendida struttura adagiata su una delle più belle…

Dakine Men's Comp Liner Bike Shorts Padded Spandex 10002243 953 altre parole